Cattiv

27 Gennaio 2022

D’ nar m viest

a lutt iea suagn

priv d’ tu

cattiv arr’stei

ara ch’ t’nganæst

e le taui mai

chiù n’ m’ stranzu

la taut buocca d’

c’rasa sacca è

chiù p’iea

zuccar  ‘nghià

ghiuogg tuoi

p’ neutr suspiru

du ta p’nsier

iea ara  caschiei

past ‘nghiè

meanch na ‘ngana

cina cina d’rau tu sai

giuarn e nuot

iea t’acciem

sau nto mi cuor

‘rbaumba la maia vausg

nant chiù t’ smuov

puru u r’ard d’quæn

m’abbrazzævi p’rdura

t’scardi

p’ quos iea a lutt

m’sant e d’ nar m’ viest.

a cuscì, sanz

dirm na paradda

cattiv m’ dasciæst.

Traduzione

Privo di te.

Di nero mi vesto

a lutto io sono

privo di te

vedovo mi sento

ora che sei andata

e le tue mani

più non mi stringono

la tu bocca

rosso di ciliegia

secca è ormai

più zucchero per

me non ha

gli occhi tuoi per

un altro sospirano

dai tuoi pensieri

mi hai fatto cadere

posto non c’è

neanche una ngona

piena di un altro

tu sei,

giorno e notte

io ti chiamo

solo nel mio cuore

rimbomba la mia voce

niente più ti muove

pure il ricordo

di quando mi

abbracciavi perduta

ti scordi

per questo a lutto

mi sento e di

nero mi vesto

così senza

dirmi parola

vedovo mi hai

lasciato.

9 gennaio 2022

Ciro Gallo