L’ parti du ta cuor

5 Giugno 2021

Si erano amati con trepidazione, da lontano, un amore fatto di sguardi. Ma lei aveva dovuto chiudergli le porte del suo cuore, il padre aveva deciso altrimenti.

San Fratello anni ’20 del secolo scorso.

Il dialetto di San Fratello è una “lingua” parlata. Quando scritta risente delle contaminazioni e licenze di chi scrive.

Il mio sanfratellano è quello parlato da mia madre, è quello che io sento mio, non necessariamente quello canonico. Utili mi sono stati comunque gli scritti di Antonino Scavone, di cui ho tenuto conto, per quanto consentitomi dal mio modo di scrivere.

Dusgiant cam l’ stoddi

bedda cam u sau

blænca cam la duna

scacca d’ ruosi

Rusidda tu eri

cam ta r’dusgist

cun s’ an’meau ‘nto ta diet!

e ch’ ‘nghingheru ami ‘nta la terra

e miegh partì d’ quos?

c’avii  ‘nta gh’uog

ch’ gh’ v’rist?

dæscialu vient’nu cu jea

dæm ‘ntantinian d’abant

fæm stær ‘nto ta pararias

p’rcò  m’ nciuri l’parti du ta cuor

jea sci che t’ suoa apr’zær

fecc d’ r’gina patrauna d’ l’ mai visciri

u mi diet è d’ sciauri

c’lestri d’ zzieu ,  d’ sata i dunzuoi

accuarcat cun jea na vauta

b’dozza d’ iangiu

descialu s’ v’dean

d’ carozzi san cini l’ mai mei

p’tu, p’tu saula.

 

Traduzione

luccicante come le stelle

bella come il sole

bianca come la luna,

serto di rose

Rusidda tu eri.

Come ti sei ridotta

con nel letto questo animale!

ma non ce n’erano altri in terra

e miglior partito di questo?

cosa avevi negli occhi

che cosa gli hai visto?

Lascialo vieni da me

dammi un pò di respiro

accoglimi nel tuo giardino.

perché mi tieni chiuse le porte del tuo cuore?

io sì che ti so apprezzare

faccia di regina , padrona

della profondità della mia anima.

il mio letto è di fiori

celesti di cielo, di seta le lenzuola

giaci con me una volta

bellezza degli angeli

lascialo questo zotico

di carezze son piene l mie mani

per te, per te sola.

15 Maggio 2021

Ciro Gallo