Chiddu ch’ tu mi dai

10 Giugno 2024

Due lingue costituiscono la possibilità del nostro discorso,  quella materna che apprendi immediatamente, che respiri  dalla nascita  e quella che impari a scuola, che ti permette di parlare con tutti, non sempre però  di capire, men che meno ti consente un comunicar profondo. Quello lo puoi fare, in tutte le sue sfumature ,  solo con la lingua madre : il dialetto.

Oggi sento la necessita della “mia prima lallazione“. Pubblico di seguito i miei  ultimi versi in dialetto

 

Chiddu ch’ tu mi dai

jo ti dugnu

e se tu ti voti

di na parti  e

nun mi guardi

jo mi votu dell’autra

e nun ti viru

tu t’alluntani di mia

e jo curru veloci

e chiù luntanu

mi fazzu

tu dici chi me è

la curpa di chiddu

ch’ fai

jo dicu ch’

dipenni tuttu di tia

comu arrivammu a stu

puntu jo nu saccio

anzi bonu u capisciu

e mutu mi staiu

ma chiddu ch’ tu mi dai

jo ti dugnu

22 gennaio 2024

Ciro Gallo