Morir di primavera

15 Marzo 2024

Di profumato bianco

si stanno vestendo

gli alberi a sollevare

dalla solitudine

dell’inverno il viale

del parco, già lo

han fatto i cespugli

del color di mimose

annunciano le prime

margherite le altre

che a breve verranno

ad inondare i prati

nuvole bianche danno

vita e risalto a

sprazzi di cielo

di celeste sereno

piccoli aerei giocano

a nascondersi tra esse

allargo le braccia

e respiro il fresco

dell’aria e penso

non è tempo di

morire di primavera.

12 marzo 2024

Ciro Gallo

 

[15 Marzo 2024]


Mani fredde

Io non ho paura

della morte ma

delle tue mani fredde

che sul mio corpo agiscono

mentre distratto

ad altri parli

e nessun pensiero

di me ti muove

niente sapendo

io solo un oggetto

del tuo lavoro

non della cura

questo della malattia

io temo non il morire.

13 marzo 2024

Ciro Gallo

 

 

[15 Marzo 2024]


Sospeso

Funambolo tu

sei “come color

che stan sospesi”

con la realtà

del tuo dolore

che ti ferma saldo

immobile in un punto

e quella che la tua

mente spera

in bilico tenuto

dal tuo desiderio di vita

e da quelli che gestiscono

il tuo male

13 marzo 2024

Ciro Gallo

 

[15 Marzo 2024]


Io dovrei non

Legami.

Figlie

Non ha per te

gli stessi occhi

che mia madre

aveva per la sua.

Ho sperato

 

Io dovrei non

soffrire per il dolore

che senti per la freddezza,

il tradimento d’amore

di chi ha dimenticato

che nel primo incontrarvi

avete convissuto

e condiviso lo stesso corpo

Io dovrei non farlo,

perché sento che a me

hai tolto quello che 

mi spettava,

ma non posso non

sentire la tua dolorosa

sorpresa , solo vorrei

che ora a me dedicassi

parte di quel  desiderio

 che incredula trascini

nel vuoto rimasto

8 marzo 2024

Ciro Gallo

 

[15 Marzo 2024]


Una sconfitta idiota

14 Marzo 2024

Era più alla nostra

portata che degli altri.

 

Non è stato il gioco

di qua stava il romito

diavolaccio di “Morti sacrata

buttato per terra

faccia bocconi, rizzo

ispido e scuro di pelo

e pur di vestito,

di là una copia imbruttita

di Domenico Savio

perso persin dalle mani

il miracoloso giglio

ora pensate che carattere

aveva la gente che seguiva

lo spiritato uomo con

gli occhi di fuori che

agitava le epilettiche mani

e quella  invece dietro

la faccia caduta del santo

che si pizzicava il labbro

e confuso teneva tre dita su essa,

assatanati vogliosi

erano quelli, svuotati

i seguaci del sorpreso beato

tanto svuotati che Lautaro,

dico Lautaro! massacrato

il rigore si voltò con

espressione idiota a cercare

la colpevole zolla.

14 marzo 2024

Ciro Gallo interista.

 

[14 Marzo 2024]


Nonostante l’umida gionata

9 Marzo 2024

Nonostante

l’umida giornata

Oggi non voglio pensare

alla mia infelicità

al tuo negarmi

e a te altra non chiedo

amore

oggi ho deciso di

non essere me

vediamo come va.

9 marzo 2024

Ciro Gallo

 

[9 Marzo 2024]


Diverso ti convinci

8 Marzo 2024

Per difesa.

 

 

Tu non vuoi sapere

ed io nascondo

quando con te parlo,

più non ricordo quello

che appena prima sapevo

diverso tu pensi il tuo destino

da quello degli uguali

anzi, essi non sono,

alla tua mente scomparsi,

e la loro sorte

non è la tua sorte

come tutti, ti

consideri specifico

e specifica e solo per te

è la positiva  soluzione

e convinci anche me

che non ricordo ciò

che appena prima sapevo.

8 marzo 2024

Ciro Gallo

 

[8 Marzo 2024]


Ardore

Ardi

mi dici

d’amore per me

bruci sotto la pelle

ma gelida

e muta

io ti sento

ad ogni mia carezza,

dovrei forse

scorticarti?!

22 agosto 2021

Ciro Gallo

 

[8 Marzo 2024]


Cenere

Io lamento

la tua mancanza

di passione

tu il mio negarla

come un vulcano

da anni spento

silenziosa tu resti

difficile è capire

come sotto una

cenere fredda

ci sia un fuoco

ancora acceso.

23 agosto 2021

Ciro Gallo

 

[8 Marzo 2024]


Evito Calvino

7 Marzo 2024

Non leggo

alla mia età io

Italo Calvino

perché in un

suo raccontino

un uomo

gemeva

spingeva

si lamentava

si allontanava

dal posto in cui era

ma dopo attimi

tornava

e gemeva, spingeva, si lamentava

anch’io  oggi

gemo

spingo

mi lamento

e poi torno

gemo spingo mi lamento

non stupitevi

non sono io il solo

ho grande compagnia

comunque evito

Calvino

perché come un

riflesso condizionato

al solo pensarci

gemo spingo e mi lamento

23 novembre 2023

Ciro Gallo

 

[7 Marzo 2024]