Caunt in milanese

4 Gennaio 2022

Stòria   Racconto

A pé biòtt e senza calzètt     Scalze e senza calze

ndaven in procession      andavano in processione

biànc fa sü  mi angiol     bianche come angeli vestite

i avemaria    mute le avemarie

vegnéven foera di dent senza fiadà      uscivano dalla bocca

in di man tegneven    nelle mani tenevano

el rosari,  i oecc   il rosario, gli occhi

giò bass a tèra     bassi al terreno

ma i penser  del coeur   ma i pensieri del cuore

eren per i omen   volavano agli uomini

in una voeja  in un desiderio

che domà in sògn vegniva foera   che solo in sogno appariva

Tütta che la roba chi  fada sü d’un sciall   tutto questo uno scialle

l’era scondüda del dì       di giorno nascondeva

In de per lé la Pinina  landava    Solitaria Pinina andava

a troà i sepolcher del a  visitare i sepolcri del

Venerdì Sant   Venerdì Santo,

per fàss perdonà per farsi perdonare le

robb che  la sera  insognada    cose che aveva sognato,

dols eren de nòtt  dolci eran di notte

pareven pien de pecà  piene di peccato sembravano

almen a la lüs del so   alla luce del giorno

col co giò bàss  implorà  a testa bassa implorava

la Vergin Maria   la Vergin Maria.

giraven intorna  i giüdee    scorazzavano i giudei

in mèzz a la strada  per la strada

e per forza in mèzz  per forza in mezzo

la ghaveva de passà  ella doveva passare

gentil lera la Pinina   graziosa era Pinina

un farìn tütt delicàa  delicato il portamento

el color della  rosa   il color della rosa

(che) ghaveven  sui laber   avean le sue labbra

el saltava foera  sul negher  risaltava al nero

de la velètta,  el celestin di ogin della veletta celeste degli occhi ,

Gh’era vegnü la faccètta rossa    rossa in faccia

Appèna un giüdée   si fece quando un

la gh’ aveva tocà      giudeo le toccò

una spalla      una spalla,

la se mètt a scarligà  via      svelti si fecero i suoi passi

Intant che el ghe andava adré      quello la seguiva

e la ghe diseva me l’era bèla  dicendole quanto bella ella fosse

E per ogni parola   ad ogni parola tutta

la diventava rossa in del facioeu  in viso avvampava,

a màn che se visinaven à la gesa    in prossimità della chiesa

con la vos  viscora ma tremolant  con voce forte e tremante

la ghe vosava:   “va via      gligridò : “vattene,

lassom a stà”      lasciami stare!”

Sorpres,  co bàss,  scornà    sorpreso, mogio mogio, scornato

cont i gàmb  che fan giacom giacom   rammollite le gambe

adèss landava indré      indietro lui ora tornava

offés  in del so vèss mas’c    colpito nella sua virilità

ghe rimaneva domà la forza      solo forza gli restò

de vousàg adré        per gridar come

un’ ingiüria:  “in tùtt di  püttan        una ingiuria: ” tutte puttane

i tosann de Maria”        le figlie di Maria”

E tütta la ciurmaia      e tutta la ciurma

adré intorna a  intonà:  intorno a far coro :

“quaivoena sicür, di alter ”    alcune sì di altre

savèmm no”       non sappiamo”

Una vos scheiada   Argentina una voce

la sortìss improvisa  da   improvvisa da

una finestra      una finestra uscì

e in de l’aria forta  e nell’aria forte

s’è sentü:    “tücc i omen  in  cont i corna,     si udì : ” tutti cornuti gli uomini sono,

quaivün de si sicür e di alter el so no!”        alcuni sì degli altri non so!”

Traduzione in milanese a cura di

Antonio Stella