O politici corrotti o società “in..civile”

2 Febbraio 2014

.

 

Non c’è molto da scegliere nel desolante panorama che è diventato questo paese.

Se siete stanchi dei partiti , dei politici consumati e garantiti, dei loro giochi stucchevoli per mantenere  potere e privilegio, non avete comunque speranza. Quelli venuti dalla società “civile”, i signori nessuno o qualunque , i “cittadini” grillini che sono stati eletti per disperazione e per cambiare questo sistema, si sono rivelati anche peggio! Anagraficamente giovani, hanno mostrato un volto becero sessista assai antico.

Hanno fatto sfoggio di un linguaggio tardo- maschilista degno di altri luoghi ed altri tempi. Giovani , molto giovani, in parlamento ( non in un bar di periferia dopo diverse birre e con gli occhi arrossati dai fumi dell’alcool) hanno urlato  parole come “pompini ” alle colleghe, o fantasticato vigliaccamente su un blog, innominabili scempiaggini a sfondo sessista su una loro superiore , ahimè, (come osa??) DONNA!!! Non hanno mosso critiche o obiezioni politiche di merito, no! Essendo esse colleghe o superiori, ma donne, le hanno come sempre ridotte ad un unico ruolo di parti sessual/genitali ad uso, diletto e dileggio maschile. Come se gli uomini fossero i veri  unici protagonisti “persone”. E   questi sarebbero i giovani maschietti del 2000?!

Se questi sono gli uomini politici nuovi di oggi….. se questa è la società “civile”…..

Nina