Cattivi Maestri.

26 Maggio 2012

I cattivi maestri non sono quelli  che ti insegnano qualcosa , che può avere effetti negativi, a volte come eterogenesi dei fini, ma quelli che non ti hanno insegnato niente. Peggiori sono quelli che ti insegnano pratiche che, accettate da tutti, sono però  indirizzate  a provocare danni per la maggioranza  e a procurare privilegi per pochi.  E’ la violenza  di certe teorie economiche. Formano, questi richiesti, rinomati, riconosciuti, osannati “maestri”, piccoli automi che, in preda ad una autostima paranoidea, ad una convinzione di potenza ( la tecnologia glielo consente), spostano per conto del “mercato”-padroni, capitali  da una parte all’altra del globo.

Incoscienti, o coscienti votati al “supremo bene” del loro operare e del “pensiero assoluto”, creano letteralmente stragi di umanità e di persone fisiche. Ne sono esempi i giovani virgulti di tutte le city,sicuri di sè, riempiti di coca, esaltati, in pieno continuo orgasmo. A questi alunni i maestri appaltano il nazismo economico.

Di quei “maestri” , cioè di quelli che niente hanno da insegnare, perchè professori per caratteristiche genetiche, sono piene le nostre università. Fa eccezione la Bocconi, non per un vero insegnamento, ma perchè  i suoi “maestri”  imitano, in maniera provinciale , i secondi. Il “nostro” Monti appartiene  a questa categoria.

Ciro Gallo